Proverbi calabresi

Eccovi una lista dei principali proverbi calabresi:

– CU NDAVI MUCCIA, CU NON HAVI MUSTRA!
Chi possiede averi nasconde e chi non possiede mette in mostra.

-U SIGNURI NON SENTI GLI ANGIULI CANTARI E SENTI E SCECCHI BRAMARI? Il Signore non sente gli angeli cantare e vuoi che senta gli asini ragliare?

-CU PUCU SI VIVI E CU NENTI SI MORI
Con poco si sopravvive e con niente si muore.

-QUANDU U SULU NESCI, NESCI PI TUTTI, QUANDU CHIOVI, CHIOVI PI TUTTI
Quando il sole nasce, nasce per tutti, quando piove, piove per tutti.

-FOCU E FIUMARA AUNDI PIGGHIA A LEVA PARA
Fuoco e fiume spazzano via tutto

-SI VO’ CAMPARI SANU DI’ PARENTI STATTI LUNTANU
Se vuoi vivere bene dai parenti stai lontano

-SI VOI L’AMICIZIA MI SI MMANTENI,NA’ TAFAREDDHA VA E UNA VENI.
Se vuoi che l’amicizia si mantenga, un canestrino deve andare ed un altro venire.

-MANGIARI CU MUSSU NTO STIPU
Mangiare con la bocca nella credenza (di nascosto dagli altri)

-MEGGHIU PANI E CIPUJHA O TO PAISI, CHI NU PALAZZU A MMENZU E MISSINISI
Meglio pane e cipolla al tuo paese, che un palazzo in mezzo ai messinesi

-U BENI O ‘NGNORANTI E U BISCOTTU A CHI NON AVI DENTI
Il bene all’ignorante ed il pane biscottato a chi non ha denti

-QUANDU ERUMU ZITI CARAMELLI E CIUCCULATI,MO’ CHI SIMU MARITATI PANI DURU E BASTUNATI
Quando eravamo fidanzati caramelle e cioccolate,adesso che siamo sposati pane duro e bastonate.

-ACQUA DA MUNTAGNA PIGGHIA A CORDA E VA’ PA LIGNA, ACQUA DA MARINA PIGGHIA A CORDA E VA’ CUCINA
Pioggia che proviene dalla montagna prendi la corda e vai a tagliare la legna,pioggia che proviene dal mare prendi la pentola e vai a cucinare.

-TINITULU QUATTRU CHI CINQU NO PONNU
Trattenetelo in quattro che cinque non ce la fanno
detto ironicamente a chi minaccia senza avere la forza

-E’ BONA LAVATA STA TRIPPA?
E’ lavata bene questa trippa?
(la domanda di Giufà, maschera reggina, per indicare qualcosa fatta male).

-CU MANGIA E NON MBITA, NON MI CAMPA MI SI MARITA
Chi mangia e non invita, che non viva per sposarsi

-MANGIA,MBIVI E IETTA PUNTATI O MURU
Mangia,beve e tira calci al muro
Si dice di persona che non fa nulla di utile e tuttavia vive bene

-A PUTIA I MUSTAZZUNI
La bottega del baffuto
(Si dice quando tutto viene indirizzato ad una sola persona)

-U PIACIRI DU CIUCCIU E’ L’ERBA GRAMIGNA,CHIDDU DU CAVADDU E’ L’ERBA LONGA
All’asino piace la gramigna, al cavallo l’erba lunga.
(E’ bello cio’ che piace)

-CIANGI I MORTI E FUTTI I VIVI
Piange i morti e frega i vivi
si dice di una persona che si lamenta senza averne realmente motivo

-U RASSU RRIVA O CORI
Il grasso arriva al cuore
(si dice a proposito di chi ha molti soldi)

-A SQUAGGHIATA DA NIVI CUMPARUNU I PETRI
Quando si scioglie la neve compaiono le pietre
(Questo vuol dire che la situazione reale emerge solo dopo che è stata rimossa la coltre temporanea che la ricopre)

-MARA CHIDDA CASA CHI ‘NCI NESCI L’ERBA ‘NTE SCALUNI
Misera quella casa dove cresce l’erba sui gradini.
(Sventurato chi non segue i suoi affari e la sua famiglia. La sua vita diventerà come una casa abbandonata, dove nessuno si prende cura di estirpare neanche le erbacce che crescono sui gradini d’accesso)

-PARRIMI SOCIRA E NTENDIMI NORA
Parlami suocera e intendimi nuora
Si dice si rivolge il discorso indirettamente a qualcuno, parlando con un altro.

-E’ MEGGHIU CU NU GIUVINI MA GODI CA CU NU VECCHIU MI CUNTI LI DINARI
Meglio godere con un giovane piuttosto che essere ricca accanto ad un vecchio.

-SI VOI VIDIRI UN MASCULU VALENTI,MENTICI NA FIMMINA DAVANTI
Se vuoi vedere un uomo che vale,mettigli una donna davanti

-VO’ SAPIRI QUAL’E’ LU MEGGHIU JIOCU?FAI BENI E PARRA POCU
Vuoi sapere qual’è il gioco migliore?Fai del bene e parla poco

-CU ‘ZAPPA FUIENDU COGGHI CIANGENDU
Chi zappa correndo raccoglie piangendo
(Quando si fanno le cose in fretta il risultato è quasi sempre negativo)

-PASSANO GLI ANNI E CRISCIUNU I MALANNI
Passano gli anni e crescono i malanni

-MARU CU STA MPISU ALL’AMURI,NA VOTA NASCI E NATRI CENTU MORI
Triste chi dipende dall’amore: una volta nasce e cento muore

-A PIGNATA DA CUMINIA NON BUGGHI MAI
La pentola della comunità non bolle mai
Nelle cose fatte insieme, ognuno pensa che siano gli altri a farsi carico dei lavori.

-CU AVI SORDI FACI SORDI,CU AVI PIROCCHI FACI SULU PIROCCHI
Chi ha soldi fa soldi,chi ha pidocchi continua a fare solo pidocchi

-JIA PI’ L’AGGHI E TRUVAI CIPUGGHI
Sono andato per l’aglio e ho trovato cipolle

-A CARIZZA VA FATTA SUPRA U CAPU MA U VASU…SUTTA U NASU
La carezza si fa sulla testa, ma il bacio sotto il naso

-A LINGUA BATTI AUNDI U DENTI DOLI
La lingua batte dove il dente duole

-CASA SENZ’AMURI,CASA CU DULURI!
Casa senza amore,casa con dolori

-‘Cu si marita è cuntentu ‘nu jiornu, cu’ mmazza ‘ u pòrcu è cuntentu n’annu.
(Chi si sposa è felice per un giorno, chi ammazza il maiale trova soddisfazioni per un intero anno)

-OGNUNU TIRA ACQUA O PROPRIU MULINU
Ognuno tira acqua al proprio mulino
(Le persone agiscono sempre per un tornaconto personale)

-A BONA IURNATA SI VIRI DA MATINA
Il buon giorno si vede dal mattino

-CU NON ‘CCETTA NON ‘MMERITA
Chi non accetta non merita

-OGNI FICUTU I MUSCA E’ SUSTANZA
Ogni fegato di mosca è sostanza!
(Si deve dare importanza alnche alle cose che sembrano non contare!

-CU VOLI U VIZIU SI L’AVI A MANTINIRI!
Chi vuole un vizio deve mantenerlo da solo

-A MALA IURNATA SI VIRI DU MATINU
Il buongiorno si vede dal mattino

-DU PRIMU APRILI AUNDI TI MANDUNU NON IRI
Il primo aprile dove ti mandano nn andare

-SI A FATICA ERA BBONA L’ORDINAVA U MERICU
Se la fatica (il lavoro)facesse bene la presciverebbe il medico

-SE A CAFFITTERA ESTI CHINA I CAFE’ VO’ DIRI CHI INTRA A CASA ABBUNDANZA C’E’!
Se la caffettiera è piena di caffè vuol dire che dentro la casa abbondanza c’è!

-A PURPETTA GIOIA MIA E’ NA COSA CA TA RICRIA
La polpetta gioia mia è una cosa che ti fa godere!

-L’AMURI E’ COMU L’ACQUA: IN CALATA VA IN CHIANATA NO!
L’amore è come l’acqua in discesa va in salita no!

-QUANDU L’AMURI NON NESCI DU CORI E’ COMU NA MINESTRA SENZA U SALI
Quando l’amore non esce dal cuore è come una minestra senza sale

-A CAVADDU BBONU NON MANCA MAI A SEDDA
Al cavallo di razza non manca mai la sella

-A PRIMAVERA U SIGNURI SPANNI A TAULA!
A primavera il Signore prepara la tavolo

-QUANDU A IATTA NON C’E’ I SURICI BALLUNU
Quando la gatta non c’è i topi ballano
(C’è chi approfitta dellìassenza di qualcuno per compiere cose che solitamente non può fare!)

-CU NON SI FACI I FATTI SOI CA LANTERNA VA CIRCANDU GUAI!
Chi non si fa gli affari suoi con la lanterna va cercando guai

-U FUNGIU TROVA SEMPRI U COMPAGNU
(Il fungo trova sempre il compagno)
le persone, come i funghi trovano sempre con chi stare!)

-CU SI VARDAU SI SARBAU!
(Chi si è guardato si è salvato!)
(E’sempre un bene tutelarsi!)

-SI MARZU SI NCUGNA TI FACI CADIRI L’UGNA
Se marzo si inquieta , ti fa cadere le unghie ( per il troppo freddo ).

-U FRIDDU I MARZU TRASI INTRA I CORNA DU BOI
Il freddo di marzo penetra fin dentro le corna del bue

-E’ MEGGHIU TO MAMMA MI TI CIANGI CHI LU SULU I MARZU MI TI TINGI
E’ meglio che tua madre ti pianga che il sole di marzo ti tinga

-DI FIMMINI E DU MARI NON TI FIDARI
Le insidie delle giovani donne travolgono, come quelle del mare

-CU NON POTI MANGIARI CARNI SI MBIVI U BRORU
Chi non può mangiare la carne è costretto ad accontentarsi del brodo

-CU NCI LAVA I PEDI O SCECCU PERDI L’ACQUA E LA LISSIA
Chi fa dei favori ad un amico irriconoscente, perderà non solo il denaro, ma anche il tempo

-CU MPRESTA PERDI A TESTA
Chi presta(soldi) perde la testa

-TU PIGGHI PISCI E IASTIMI
Tu prendi pesci e bestemmi
(Si dice delle persone che si lamentano sempre)

-SI U CIPPU VENI TRASUTU U MATRIMONIO VENI CONCLUSU,MA SI RESTA AVANTI A PORTA E’ SIGNU I MALA SORTA
Il ceppo (segno matrimoniale) portato dentro viene accettato, fuori riggettato

-CU AVI CCHIU’ SANTI VA DRITTU IN PARADISU
Chi ha più santi va diritto in Paradiso
(Va avanti chi ha più raccomandazioni)

-U MULUNI NON SEMPRI NESCI RUSSU
Il cocomero non sempre è rosso, all’interno
Mai fidarsi mai delle apparenze

-NUN C’E’VECCHIU SENZA DULURI,NUN C’E’GIUVINI SENZA AMURI,NON C’E’ MAJU SENZA FIURI
Non c’è vecchio senza dolori, non c’è giovane senza amori, non c’è maggio senza fiori

-MANGIA CHIDDU CHI VOI MA RASSA A BUCCA O CASU
Mangia quello che vuoi, ma lascia la bocca al formaggiu

-JETTATI AVANTI NON MI RESTI ARRETU
(Buttati avanti per non rimanere dietro)
Si dice di colui che non perde mai nessuna occasione

-I DINARI PURU I MORTI FANNO PARRARI
I soldi fanno parlare anche i morti!

-CU IOCA SULU NON SI INCAGNA MAI
(Chi gioca da solo non si incavola mai)

-FEVRARU CURTU E AMARU
(Febbraio corto e amaro)

-A TILA E A TILETTA A TESCIA QUAND’ERA SCHETTA;ORA CHI SU MARITATA VOGGHIU ESSIRI CAMPATA!
Da nubile tessevo le tele e le telette; ma ora che ho preso marito non voglio più muovere un dito

-A FIMMINA ‘MPASTA E ‘MPASTA, U FURNU CONZA E GUASTA
(La donna impasta e rimpasta, il forno aggiusta e guasta)

-FRIJ I PISCI E VARDA A JATTA
(Mentre friggi i pesci tieni d’occhio la gatta)
Si deve essere sempre attenti che c’è sempre qualcuno che ci frega!!!

-A MEGGHIU PAROLA E’ KIDDA CHI NON NESCI
(La migliore parola è quella che non esce dalla bocca)

-GIOVEDDI’ I LARDAROLU CU NON AVI CARNI MPIGNA U FIGGHIOLU
(Giovedì grasso chi non ha altro modo di procurarsi la carne dà in pegno il proprio figliolo)

-ORA CHI FIURIU LA MMENDULARA L’AMURI E’ INTRA E NON NESCI CCHIU’ FORA
(Ora che è fiorito l’albelo della mandorla l’amore è dentro e non esce più fuori)
Le abitudini di chi è innamorato variano molto e si notano subito.

-CA LUCI DA LUMERA OGNI FIMMINA PARI BEJA!
Con la luce del lume ogni donna appare bella!

-U BISOGNU ‘MPARA A VIA
(Il bisogno insegna la strada da percorrere)

-PURU I PULICI HANNO A TUSSI
(Anche le pulci hanno la tosse)
Si dice di una persona che non ha voce in capitolo

-A JATTA PRESCIAROLA FICI I JATTAREDDI ORBI
(La gatta frettolosa fece i gattini ciechi)
Le persone che fanno le cose in fretta commettono gravi errori

-CARNI I PORCU E CCAVULI D’ORTU CU NON NSI MANGIA SI TROVA MORTU
(Carne di maiale e cavoli di orto, chi non ne mangia non guadagna salute)

-A TTAVULA E A MUGGHIERI ‘MBICINATI CU BONI MANERI!!!
(A tavola e alla moglie accostati con educazione)

-E FIMMINI I FORA NE’ TILA NE’ LINZOLA!!
Alle donne forestiere nè tela nè lenzuola

– PA CANDELORA U LANATU NESCI FORA PI QUARANTA JIORNA ANCORA
(Per la Candelora l’inverno esce fuori per quaranta giorni ancora)
I 26 giorni che vanno dal 2 di febbraio, giorno della Candelora, alla fine del mese, più i 14 del mese di Marzo si arriva più o meno ai giorni nei quali cadevano le Idi di Marzo segnavano l’inizio dell’anno nuovo per i romani,cioè della primavera)

-U FUNGIU TROVA SEMPRI U CUMPAGNU
(Il fungo trova sempre il compagno)

-L’OVU CACATU VALI NU DUCATU!
(L’uovo fresco vale un ducato poiché dà sostanza e nutrimento)

-L’ERBA DEL VICINU E’ SEMPRI A CCHIU’ VIRDI
(l’erba del vicino è sempre la più verde)

-AUNDI VIRI A PORTA LARGA TRASI I FIANCU!
(Se vedi una porta larga spalancata entra di fianco)
Non fidarti di false promesse

-FU A REGINA CHI EPPI BISOGNU DA VICINA
(Fu la Regina che ebbe bisogno della vicina)
Si può essere ricchi e potenti ma si ha sempre bisogno di qualcuno su cui contare!

-CU ‘NDAVI SORDI POCHI,SEMPRE CUNTA, CU AVI A MUGGHIERI BELLA SEMPRE CANTA
(Chi ha pochi soldi sempre li conta, chi ha la moglie bella sempre canta)

-CU STA A SPIRANZA ILL’AUTRI VENI SIRA E CANTA A DIANA
(Chi spera negli altri, quando è sera, intona un canto lugubre)
Bisogna risolvere i propri problemi senza aspettare aiuti esterni.

-CU DASSA A STRATA VECCHIA PA NOVA, SAPI CHIDDU CHI DASSA MA NON SAPI CHIDDU CHI TROVA!!!
(Chi abbandona la strada vecchia per la nuova, sa cosa lascia ma non sa quello che trova)
Non lasciare mai il certo per l’incerto

-CU DIJUNA DUI MALI FA:L’ANIMA PERDI E ‘NTO FERNU VA.
Chi digiuna due mali fa: l’anima perde e nell’inferno se ne va!

-OGNI TESTA è NU TRIBUNALI!
(Ogni testa è un tribunale)
Ogni persona ha una propria opinione e vorrebbe che fosse quella seguita dagli altri

-TUTTI AMICI FINU A CHI A MAIJA E’ CHINA
(Tutti amici fino a che la vasca(dove si impasta il pane) è piena)

-SI VOI VIDIRI L’AMICU ‘MBUNNARI,IDU MI PARRA E TU NON PARRARI
(Se vuoi vedere l’amico rodersi il fegato,ignoralo!)

-VIZI E NATURA FINU A SEPORTURA!
(Vizi e natura fino alla sepoltura)
I vizi umani dureranno sempre!

-SENZA LEVUTU NON SI FACI PANI
(Senza lievito non si fa il pane)
Senza le cose fondamentali non si può raggiungere l’obiettivo

-MEGGHIU MANGIATI RI CANI CHI CIANGIUTI RI CRISTIANI!
(Meglio essere sbranati dai cani che essere invidiati dalle persone!)

-MALI NON FARI PAURA NON AVIRI
(Non far male a nessuno così non avrai mai paura che qualcuno ne faccia a te)

-A FIMMINA E’ COMU ‘A JATTA – CCHIU’ ‘A LLISCI E CCHIU’ S’INGATTA
(La donna è come la gatta, più la lisci, più si accovaccia)
La donna ha tanto bisogno di coccole e carezze.

-A BONA LAVANDARA NON MANCA MAI A PETRA
(Alla buona lavandaia non manca mai la pietra)
Se si è animati dalla volontà di fare le cose, si trovano i mezzi.

-PACIENZA CI VOLI A LI BURRASCHI,U MELI NON SI MANGIA SENZA MUSCHI
(Pazienza ci vuole nelle situazioni difficili perché gli obiettivi non si raggiungono facilmente)

– QUANDU A BUCCA MANGIA E U CULU RENDI MI NDI FUTTI DI MEDICI, DI MEDICINI E DI CU’ I VINDI!
(Quando la bocca mangia e il culo rende me ne frego dei medici delle medicine e di chi le vende)

– QUAND’A MAMMA U SURICI PIJJHIA,COMU LA MAMMA VENI A FIJJHIA!
(Quando la mamma il topo piglia,come la mamma lo farà la figlia)
Le figlie prendono molte caratteristiche dalle loro madri

– DURU CU DURU NON FABBRICA MURU
(Non combina niente chi si oppone ad uno testardo)

– AUNDI PARI CHI U GRASSU SPANDI, A MALA A PENA U CAVULU CUNDI
(Dove sembra che il grasso è in abbondanza, a mala pena si può condire il cavolo)
Spesso c’è povertà dove sembra esserci ricchezza

– A GENNARU PUTA PARU,MA U VERU PUTAZZU ESTI A MARZU
(A gennaio pota in modo massiccio, ma la vera potatura deve avvenire nel mese di marzo.)

-GENNARU SICCU,MASSARU RICCU.
(Gennaio secco,contadino ricco)

-PRIMA I NATALI NON FRIDDU E NE FAMI,DOPU I NATALI U FRIDDU E A FAMI
(Prima di Natale non freddo e ne fame,dopo di Natale si patisce il freddo e la fame)

– TRI PILA AVI U PORCU,U PORCU AVI TRI PILA
(Tre peli ha il maiale, il maiale ha tre peli).
Detto quando una discussione ha esaurito ogni spunto, o quando una situazione si ripete alla noia

– ACQUA,CUNSIGGHI E SALI, A CU NA ‘NDUMANDA, NON CI DARI
(Acqua consigli e sale a chi non te li chiede non li dare!)
A volte è meglio stare zitti!

– FIMMINI E GUAI I TROVI AUNDI VAI VAI
(Donne e guai li trovi ovunque vai!)

-DANCI A TERRA CHE A TERRA TI DUNA
(Dagli(il tuo tempo) alla terra,che la terra ti ricompenserà)
Il lavoro fatto con passione prima o poi viene sempre ricompesato

-CU TROVA MODDHU,ZAPPA FUNDU
(Chi trova il terreno morbido,zappa fino in fondo)
Vi sono persone che approfittano degli altri, quando si accorgono che sono disponibili e cedevoli ad ogni richiesta.

-QUANDU U CIELU E’ A PECURINU O CHIOVI ORA O CHIOVI MATINU
(Quando il cielo è a pecorelle o piove ora o piove domani mattina)

-U SCECCU CHI SCORCIA I FICARI,U VIZZIU SU CACCIA SULU QUANDU MORI
(L’asino che rovina la corteccia dell’albero del fico,il vizio se lo toglie solo quando muore)
Il vizio dell’uomo non ha mai fine

-CHIANU CHIANU U MALATU LEVA U SANU
(Piano piano il malato porta il sano)
Con molta calma si realizza tutto

-Di la `Mmaculata a Santa Lucia quantu `n passu di cucciuvia. Di Santa Lucia a Natali quantu `n passu di cani. Di Natali all`annu novu quantu `n passu d`omu.
(Dall`Immacolata a Santa Lucia quanto un passo di allodola, da Santa Lucia a Natale quanto un passo di cane, da Natale all`anno nuovo quanto un passo d`uomo)
Per dare l`idea di quanto si allunghino le giornate in dicembre.

-I GUAI DA CADDHARA I SAPI SULU A CUCCHIARA
(I guai della pentola li sa solo il cucchiaio (che la mescola)
Ognuno conosce i propri più intimi problemi

– CU BELLA VOLI PARIRI GUAI E PENI AVI A PATIRI
(Chi bella vuole apparire guai e pene deve sopportare)

-CU TI VOLI CCHIU’ BENI I TO’ MAMMA O TI TRADISCI O TI ‘NGANNA
(Chi ti vuol bene più di tua mamma o ti tradisce o ti inganna)

-OGNI FOUCU FORTI PRIMA O POI CINNIRI DIVENTA!
(Ogni fuoco forte prima o poi cenere diventa)
Niente è eterno.

-NON CIANGIU CHI SU VECCHIA E AIU A MORIRI, MA CIANGIU CHI SU VECCHIA E AIU A ‘MPARARI
(Non piango che sono vecchia e devo morire, ma piango che sono vecchia e devo imparare!)
Si impara sempre dalla vita

-SI VO’ CAMPARI IN PACI,VIRI SENTI E…TACI!
(Se vuoi vivere in pace, vedi, ascolta e taci!

-AMBATULA CHI TI LISCI E FA CANNOLA,U SANTU ESTI I MARMURU E NON SUDA
(E’ inutile che fai moine e ti fai i boccoli,il santo è di marmo e non suda)
Inutile pregare e supplicare,se una persona non ti da retta mettiti l’anima in pace.

-CU FICI LIGNA ‘NTO SDIRRUPU POI ‘NDAVI MI SA NESCI O CHIANU
(Chi ha tagliato legna in un posto impervio deve poi salirla al piano)
Chi ha ottenuto qualcosa in modo illecito deve poi giustificarne il possesso

-CU’ SI VARDAU SI SARBAU
(Chi si è guardato si è salvato)
E’ un invito esplicito alla prudenza,ad agire con attenzione!

-AMICI E AMURI I CANUSCI ‘NTO DULURI
Amici e amore li conosci nel dolore

-PAUMBEDDA MUTA NON POTI ESSERI SEBUTA
(Colomba muta non può essere servita)
Chi non espone i propri problemi non può essere accontentato

-QUANDU L’AMURI NON NESCI I CORI E’ COMU NA’ MINESTRA SENZA U SALI
(Quando l’amore non esce dal cuore è come una minestra senza sale)
L’amore non spontaneo è come un cibo senza sale

-U RISPETTU E’ MISURATU CU LU PORTA L’AVI PURTATU
(Il rispetto è misurato chi lo porta ce l’ha portato)
Chi porta rispetto riceve sempre rispetto

-AMBATULA CHI NCI FISCHI SI U SCECCU NON BOLI ‘MBIVIRI
(E’ inutile che continui a fischiare se l’asino non vuol bere!)
E’ inutile perdere tempo a dire le cose a chi non vuol sentirle!

-AMA CU T’AMA SI VOI AVIRI SPASSU,PERCHI’ AMARI CU NON T’AMA E’ SULU TEMPU PERSU
(Ama chi ti ama se vuoi trarne piacere, perche`amare chi non ti ama e` tempo perso)

-CU PAVA A SIRA E’ FRANCU A MATINA
(Chi paga la sera è libero la mattina)
Togliersi un debito è sempre sinonimo di libertà!)

-AMARI I LUNTANU ESTI COMU L’ACQUA NTO PANARU
(Amare da lontano è come l’acqua nel cesto)
Amare da lontano una persona è una cosa vana

-O TI MANGI STA FINESTRA O TI JETTI DA FINESTRA
(O ti mangi questa minestra o ti butti dalla finestra!)
Ci sono scelte,a volte,la cui soluzione è unica

-MARA A PECURA CHI NDAVI A DARI A LANA
(Povera la pecora che ci deve dare la lana!)
Povero il debitore che prima o poi deve pagare il debito

-SENZA SORDI NON SI CANTA MISSA
(Senza soldi non si canta messa)
(Ogni lavoro deve essere giustamente retribuito!!!)

-CU BELLU VOLI PARIRI GUAI E PENI AVI A PATIRI!
(Chi bello vuole apparire guai e pene deve patire)
Le cose belle vanno sofferte

-I CAMBIALI SU MEGGHI DI MUGGHIERI, ALMENU I PAVI E TI CACCI NDHE PERI!
(Le cambiali sono meglio delle mogli,almeno le paghi e le levi dai piedi)

-CU NASCI TUNDU NON MORI QUATRATU
(Chi nasce tondo non muore quadrato)
Chi nasce in un modo non cambia facilmente carattere!

-CU TROVA MODDHU ZAPPA FUNDU
(Chi trova mollo zzappa fondo)
Chi riesce a trovare una situazione facile ne approfitta

-L’OCCHIU DU PATRUNI ‘NGRASSA U CAVADDU!
(L’occhio del padrone ingrassa il cavallo)
In ogni posto di lavoro ,la presenza del patrone fa sì che lavoranti producano di più.

-ACQUA PASSATA NON MACINA MULINU!
(Acqua passata non macina il mulino)
Non pensare alle cose passate, perchè non possono essere modificate

-MEGGHIU IN GALERA CIANGENDU CA CURNUTU RRIDENDU
(Meglio in carcere piangendo che cornuto ridendo)

-QUANDU RRIVA A TRAMUNTANA RASSA U LINU E PIGGHIA A LANA!
(Quando arriva la tramontana lascia il lino e meti la lana!)
Il vento di tramontana porta ad indossare gli abiti di lana

-BOTTI E PANELLI FANNU I FIGGHI BELLI,PANI SENZA MAZZI FANNU I FIGGHI PAZZI
(Botte e carezze fanno i figli belli, pane senza botte fanno i figli pazzi)
La migliore educazione ai figli la danno le botte e le carezze.

-A TROPPA CUNFIRENZA E’ PATRUNA DA MALACRIANZA
(La troppa confidenza è padrona della mala educazione)
Spesso la confidenza viene scambiata per dabbenaggine

-I SORDI FANNU VINIRI A VISTA ALL’ORBI
(I soldi fanno venire la vista ai ciechi)
A volte i soldi fanno avvenire dei veri e propri miracoli!

-A LINGUA NON AVI OSSA MA RUMPI L’OSSA
(La lingua non ha ossa, ma rompe le ossa)
Come è noto, la lingua è un organo senza ossa, ma, parlando, ha la capacità di causare tanti danni.

-BUCCA ND’AVI E PAROLA NO
(Ha la bocca ma non ha parole)
Antico elogio delle brave fanciulle, che una volta erano educate ad essere molto riservate tanto da non profferire parola quando si trovavano al cospetto di persone più grandi di loro

-‘CCA SUTTA NON CHIOVI
(Qui sotto non piove)
Il proverbio veniva pronunciato mettendo l’indice destro sotto il palmo della mano sinistra, dove la pioggia non potrebbe bagnarlo. Sta a significare lo stato d’animo di chi ha ricevuto un torto di cui non può ottenere subito ragione, ma che non intende dimenticare. E’ la promessa che presto o tardi lo sgarbo verrà ricambiato.

-ARIA NETTA,NON AVI PAURA I TRONA
(Aria limpida non ha paura di tuoni)
Metafora sempre valida: chi ha la coscienza a posto, non deve temere nulla.

-ACQUA DAVANTI E VENTU D’ARRETU
(Acqua davanti e vento di dietro)
E’ quello che si augura alle persone che si sono rese antipatiche col loro comportamento e con le quali non si vuole più avere alcun rapporto. Che vadano via al più presto, anche con l’aiuto dei peggiori agenti atmosferici.

-A CIRA SQUAGGHIA E U SANTU NON CAMINA!
(La cera si scioglie e il Santo non cammina!)
si dice quando le cose vanno a rilento

– CU IORNU DI MORTI A NIVI E’ NTE PORTI
(con il giorno dei morti la neve è alle porte)
Dal 2 novembre,giorno dei morti il freddo si fa sentire molto di più.

– MEGGHIU NA MALA MATINA CHI NA MALA VICINA
(meglio una brutta mattinata che una brutta vicina di casa)

– DENTU RUTTU FURTUNA PI TUTTU!!!
(Dente rotto fortuna per tutto)

– SI U SIGNURI CHIURI NA PORTA, APRI POI NU PORTICATU!
(Se il Signore chiude una porta, apre poi un portone)

– AMICU E CUMPARI ‘NTO BISOGNU SUNNU PARI!
(Amico e compari nel bisogno sono pari
Amici e compari si riconoscono nel bisogno

– E’ INUTILI CA’ TI LLISCI E FA CANNOLA U SANTU E’ DI MARMURU E NON SUDA!
(E’ inutile che ti prepari e ti fai boccoli il santo è di marmo e non suda!)
Si dice quando ci si dedica a qualcosa o a qualcuno e questo rimane del tutto indifferente!

– SU SAPI NU DENTI U SAPI TUTTA A GENTI!
(Se lo sa un dente lo sa tutta la gente)
Quando un segreto è rivelato ad una sola persona sia pur la più fidata c’è il rischio concreto che lo stesso venga svelato

– CU AMICI E CU PARENTI NON CATTARI E NON VINDIRI NENTI
(Con amici e con parenti non comprare e non vendere niente)

– CU NON SI FACI I FATTI SOI CA’ LANTERNA VA CERCANDU GUAI
(Chi non si fa i fatti suoi con la lanterna va cercando guai)
Chi non si fa gli affari propri va sempre in cerca di guai.

-L’ACQUA FACI MALI E U VINU FACI CANTARI
(L’acqua fa male,e il vino fa cantare)
Bere troppa acqua fa male…bere vino rende allegri!

– ‘TACCA U SCECCU AUNDI VOLI U PATRUNI
(Attacca l’asino dove vuole il padrone)

– CU RASSA A VECCHIA PA NOVA SAPI CHIDU CHI RASSA MA NON SAPI CHIDU CHI TROVA!
(Chi lascia la vecchia per la nuova sa quel che lascia ma non sa quel che trova!)

– I SORDI E L’ANNI NE CUNTARI MAI:I PRIMI SU POCU E L’AUTRI SU SEMPRE ASSAI
(i soldi e gli anni non li contare mai i primi sono pochi e gli altri sono sempre assai)

– CU DICI POI…NON FACI MAI
(Chi dice poi…non fa mai!)
Si dice di colui che rimanda sempre le cose a dopo e non le conclude mai!

– ‘U CANI CURRI UNDI TROVA L’OSSU
(Il cane corre dove trova l’osso)
si dice di colui che si affretta a fare le cose solo quando ha un ritorno personale.

– CU INTRA TI MENTI FORA TI CACCIA
Chi dentro ti mette fuori t caccia.
(La persona che t agevola ha anche il potere d ritrattare la sua scelta)

– N’TA TAVULA E NTO TAVULINU SI CANUSCI U CUNTADINU
A tavola e a tavolino si conosce il contadino.
(La persona civile si conosce dal suo comportamento a tavola)

– ‘NCI RISSI U SURICI A NUCI:DAMMI TEMPU CHI TI PERCIU!
(Il topo ha detto alla noce:dammi tempo che ti rompo!)

– QUANDU A TAVULA E’ CUNZATA,CU NON MANGIA PERDI A SPISA!
(Quando la tavola è imbandita, chi non mangia perde il cibo)

– ‘A CADDARA BUGGHI E U PORCU E’ A MONTAGNA.
(La caddàra (pentola per le frittole) bolle e il maiale è ancora in montagna.)
Si riferisce a chi è troppo frettoloso.

proverbi calabresi proverbi calabresi proverbi calabresi proverbi calabresi proverbi calabresi

Annunci